Visualizza articoli per tag: cinema

Il drammaturgo statunitense Israel Horovitz, prolifico autore del mondo underground che si è trasformato in un classico del teatro di fama internazionale, figura leggendaria di "off Broadway", che ha sempre conservato grinta, verve e carica anticonformista, è morto all'età di 81 anni nella sua casa di New York in seguito ad un tumore. Estremamente prolifico, Horovitz ha scritto oltre settanta testi teatrali, di cui molti tradotti e messi in scena in più di trenta lingue diverse. Horovitz si rivelò nel 1968 con due atti unici - "It's Called the Sugar Plum" e "L'indiano vuole il Bronx" – che esprimevano, in termini realistici, la violenza metropolitana in America. Non a caso fu proprio Horovitz che ai tempi della grande ribellione studentesca sessantottina sceneggiò il film più significativo di quel periodo storico, "Fragole e sangue", che lo consacrò agli occhi del grande pubblico. Diretto da Stuard Hangmann, esordì nelle sale americane nel 1970 e vinse il Premio della giuria di Cannes, entrando così nella categoria delle pellicole politiche più 'cult' degli anni 70. Il film rappresentò per Horovitz anche un momento di gloria sia dal punto di vista professionale, sia da quello privato: durante le riprese ricevette un invito a pranzo dal premio Nobel Samuel Beckett, maestro del teatro dell'assurdo, con cui instaurò un sodalizio che lo ha influenzato notevolmente nel lavoro e nella vita personale, a tal punto che lo stesso Horowitz lo ha definito più volte il suo "padre spirituale, letterario, morale". Lo spirito ribelle di Horovitz è riconoscibile anche nelle opere successive, tra le quali il ciclo "The Wakefield Plays" (1974-79) e la commedia "The Good Parts" (1982). Una lotta tra emarginati, tra persone costrette in fila davanti a una riga bianca, confine che li pone in attesa e li esclude da qualcosa di imprecisabile, è l'argomento di "Line" (La fila), opera del 1989 di Horovitz, che in Italia ha segnato, nel 1994, il debutto sulla scena teatrale di Stefania Sandrelli. Una commedia d'impianto classico è invece la sua "Care conoscenze e cattive memorie", portata in scena in Italia nel 1992 da Aroldo Tieri e Giuliana Lojodice. Il dramma racconta del rapporto rabbioso tra un professore che si finge sordo per capire cosa dicano gli altri di lui, e una donna che lo provoca insultandolo continuamente. Un gioco di provocazioni e di astuzie psicologiche è anche al centro de "La campana" (1993), in cui un uomo spia una giovane donna che gioca. Nato a Wakefield, nel Massachusett, il 31 marzo 1939 da una famiglia ebrea, Horovitz si trasferì a New York giovanissimo insieme all'amico John Cazale (interprete di molti suoi lavori e noto per il ruolo di Fredo Corleone nel film "Il Padrino"). Horovitz ottenne un successo internazionale come drammaturgo con "L'indiano vuole il Bronx" (1968), che lanciò Al Pacino nel teatro americano, e "It's called the sugar plum" (1968) interpretato nella prima edizione da Marsha Mason e replicato da Jill Clayburgh, entrambe alla loro prima apparizione come attrici professioniste. "The Primari English class" nella prima versione newyorkese fu interpretato da Diane Keaton. Horovitz ha scritto anche diverse sceneggiature per il cinema, tra cui: "Papà sei una frana" (1982) di Arthur Hiller con Al Pacino; "Sunshine" (1999) di István Szabó che vinse l'European Academy Award come migliore sceneggiatura; "James Dean - La storia vera" (2001) di Mark Rydell fu nominato per un Emmy Award. Horovitz ha vinto numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali: due Obie Awards, un premio alla carriera Prix de Plaisir du Théâtre, un Prix Italia premio internazionale per programmi radiofonici, un Sony Radio Academy Award, un premio come migliore sceneggiatore dal Writers Guild del Canada. Nel 1975 ha fondato il New York Playwrights Lab, di cui è stato a lungo direttore artistico, con lo scopo di stimolare ed incoraggiare importanti e riconosciuti autori americani a scrivere per il teatro. È stato direttore artistico della Gloucester Stage Company in Massachussetts ed ha insegnato sceneggiatura cinematografica alla Columbia University, alla Scuola Nazionale Francese di Cinema La Fèmis, e drammaturgia alla University of St. Andrews, in Scozia. In Italia è stato direttore artistico, insieme ad Andrea Paciotto, della Compagnia Horovitz-Paciotto con sede a Spoleto. Fra il 31 marzo 2009 e il 31 marzo 2010, in occasione del suo settantesimo compleanno, il Barefoot Theater di New York ha organizzato il 70/70 Horovitz Project: 70 opere di Horovitz sono state prodotte e rappresentate nei teatri di più di venti paesi in tutto il mondo. Israel Horovitz è padre di cinque figli, fra i quali Adam Horovitz, conosciuto come Adrock della famosa band rap Beastie Boys.

Pubblicato in Teatro

Johnny Depp ha perso la causa per diffamazione intentata nel 2018 contro l’editore del tabloid britannico The Sun, il News Group Newspapers, ed il suo caporedattore Dan Wootton, per la pubblicazione di un articolo che lo definiva un “picchiatore di mogli”.

Pubblicato in Cinema
Lunedì, 02 Novembre 2020 17:12

"Azzurrina”, il film horror di Giacomo Franciosa

girato nel leggendario Castello di Montebello

Pubblicato in Cinema

Un film dal 27 ottobre su Prime Video e un disco, in uscita il 20 novembre.

Pubblicato in Cinema
Venerdì, 23 Ottobre 2020 16:11

Banksy al cinema un documentario

Dal 26 al 28 ottobre la storia dell’artista underground più sovversivo degli ultimi tempi

Pubblicato in Cinema
Giovedì, 22 Ottobre 2020 17:41

Sophia Loren, Madame Rosa mi ricorda mia madre

"Questa storia la sento davvero mia. La verità del personaggio nasce da quello che ho passato io stessa durante la guerra. C'è il rapporto con mia madre, con mia nonna, la fame e la miseria di quei tempi. La durezza e la fragilità di Madame Rosa sono quelle di mia mamma. Quando ho letto il copione, ho rivisto l'immagine di una giovane donna che deve far crescere una figlia piccola, e sullo sfondo ci sono i bombardamenti, le macerie, i soldati. La tragedia l'ho vissuta sulla mia pelle".

Pubblicato in Cinema
Mercoledì, 21 Ottobre 2020 17:59

E' morto Il figlio di Robert Redford, James.

Robert Redford è distrutto per la morte del figlio James di 58 anni, avvenuta venerdì scorso dopo una lunga lotta contro un tumore al fegato.

Pubblicato in Cinema
Mercoledì, 21 Ottobre 2020 17:56

Lutto per John Travolta

Sono trascorsi solo pochi mesi da quando John Travolta ha perso la moglie Kelly Preston a causa di un cancro al seno.

Pubblicato in Cinema
Mercoledì, 21 Ottobre 2020 17:51

Salvatores positivo al Covid.

Il regista Gabriele Salvatores è positivo al Covid ed è in isolamento.

Pubblicato in Cinema
Martedì, 06 Ottobre 2020 15:38

Premio Zavattini, i progetti selezionati

Allegro ma non troppo di Francesco Romagnolo, Ballare sempre ballare hardcore di Jacopo Babuscio e Claudia Toto, Estraneo di Filippo Loccioni e John Alex Siciliani, Di padre in figlio di Vittoria Scutifero, Heimat di Giovanni Montagnana, Il comunismo prima di me di Davide Crudetti, Potessi dirti addio di Claudio Balboni e Roberta Martinelli, Sbagliando s’inventa di Alice Sagrati, Seize the times 2020 di Marco Scola Di Mambro: sono questi i progetti ammessi al percorso formativo e di sviluppo della nuova edizione del Premio Zavattini 2020/21 presentati dagli stessi candidati nell’incontro in diretta streaming sulla pagina FB del Premio che si è svolto sabato scorso, 3 ottobre, presso la sede dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma.

Pubblicato in Cinema
Pagina 1 di 3