Martedì, 14 Luglio 2020 15:20

Yoga per combattere stress da Covid 19

Scritto da redena

Miggiano: "non fa scomparire problemi ma dona strumenti per gestirli

Roma - Lo yoga e le discipline meditative come antidoto per combattere lo stress e le tensioni accumulate ogni giorno, acuite ulteriormente dalla crisi sanitaria ed economica derivanti dalla pandemia da Sar-Cov2 che ancora non ci siamo lasciati alle spalle.

Ma come fare per cambiare prospettiva e non finire schiacciati dai problemi? Per approfondire l'argomento l'agenzia di stampa Dire ha raggiunto YossáGiancarlo Miggiano, insegnante di yoga e di meditazione dal 1997 e da 10 anni alla conduzione dei centri Yoga Suite Flaminio, Yoga Suite Appia, Yoga Alliance Master, Yoga Platinum e maestro esperto CSEN/CONI.

- Questo periodo inevitabilmente ci ha provato e stressato. Lo yoga puo' venire in soccorso per ricaricarci di energia? "Lo yoga e' uno strumento straordinario per riportarci al centro, ad una condizione di presenza e di equilibrio con noi stessi. Lo stress e la difficolta' emotiva nascono da una condizione di separazione da noi stessi. Per questo i pensieri diventano oppressivi, molto potenti e in qualche modo portano a separarci dal momento presente. Lo yoga non consente solo di vivere il presente ma anche di vedere la vita in un modo piu' equilibrato e reale senza essere condizionati dai pensieri. E in che modo? La mente spazia dal passato al presente rivivendo emozioni o programmando nel futuro. Cio' puo' provocare problemi e tensioni, ci fa sentire come un albero senza radici. Lo yoga capovolge la situazione e consente all'individuo di mettere radici e di collegare la mente al corpo. Mettendo 'radici' l'individuo puo' 'muoversi' sentendosi comunque molto stabile. In questo periodo di pandemia sorgono numerose preoccupazioni, l'individuo e' in balia dei suoi pensieri. In una condizione 'normale' ogni soggetto dovrebbe essere il centro della propria esistenza e come in una ruota, tutto intorno, i raggi dovrebbero rappresentare la famiglia, il lavoro e le preoccupazioni. Il problema sorge quando un elemento, spesso quello negativo, diventa il centro della nostra esistenza condizionando tutto il resto. Come adesso che si parla solo del Covid, di problemi e prospettive negative per il futuro. Lo yoga non fa scomparire il problema, ma cambia la prospettiva consentendo di gestirlo".

- Quando c'e' di mezzo questa pratica non si parla di ginnastica ma di un vero e proprio 'allenamento interiore'. Per acquisire i fondamenti di questa disciplina e trarne i benefici da dove bisogna iniziare? "Si deve partire dalla consapevolezza del nostro corpo. C'e' una differenza fondamentale tra una disciplina sportiva e lo yoga. Nello sport si usa il corpo come fosse una macchina per arrivare ad un obiettivo che puo' essere una performance, un determinato tempo che poi rispecchia la modalita' con cui molte persone conducono l'esistenza, perennemente stressati e concentrati sui risultati provando ansia. Lo yoga interrompe questa condizione e 'usa' il corpo con l'obiettivo di ascoltare le sensazioni prodotte. Questo crea una risposta fisiologica del corpo in grado di rilassare il sistema nervoso e mentale non solo riportando il sangue nella cavita' addominale, ma anche producendo ormoni come l'ossitocina e le endorfine, che sono anche analgesici e ci fanno stare bene".

- L'estate ha messo il turbo e le temperature sono davvero elevate. E' possibile eseguire le sessioni di yoga al mare o in montagna? Lei organizza eventi o lezioni all'aperto? "Assolutamente si'. Infatti ho sempre organizzato, tranne quest'anno a causa dell'emergenza Covid, delle vacanze yoga sia in montagna che al mare. Questo per dare la possibilita' di abbinare lo yoga a un momento di vacanza necessaria per staccare la spina. Quando il cervello va in vacanza? Quando l'individuo fa delle cose nuove e altrimenti tende a funzionare sempre attraverso degli automatismi. La routine infatti rende piu' soggetti a pensieri ossessivi. La vacanza, al contrario, rappresenta un modo per staccare la spina: ecco perche' ai miei allievi consiglio di andare in posti diversi e con persone nuove. Ma anche se ci piace fare le stesse cose puo' venire in soccorso la pratica dello yoga per creare quel momento di apertura della mente. Abbinare la pratica dello yoga alla vacanza e' straordinario. Solitamente durante l'anno, quando si arriva in classe direttamente dal lavoro, per godere dei benefici ci vogliono 20 minuti, mentre quando siamo in vacanza siamo gia' rilassati e il beneficio e' duplicato".

fonte «Agenzia DIRE»