Mercoledì, 21 Dicembre 2022 18:28

Nazca, scoperti nuovi geoglifi

Scritto da A.C.,
geoglifo geoglifo

scoperto solo il 5% dei geoglifi.

Gli archeologi hanno scoperto 168 nuovi geoglifi nell'area di Nazca, in Perù. La scoperta si aggiunge in modo significativo ai 190 segni precedentemente scoperti del sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Si legge su Upi.

I geoglifi ritraggono umani , uccelli, gatti, serpenti , alpaca e balene e si ritiene che siano stati creati tra il 100 a.C. e il 300 d.C. Le immagini hanno una lunghezza media compresa tra 6 e 19 piedi, mentre le linee scoperte in precedenza erano lunghe fino a 1.200 piedi.

I geoglifi sono stati scoperti da un gruppo di ricerca guidato dal professor Masoto Sakai dell'Università di Yamagata, che ha lavorato con l'archeologo peruviano Jorge Olano per mappare l'area usando i droni. I ricercatori collaboreranno con il TJ Watson Research Center di IBM per utilizzare l'intelligenza artificiale per studiare i modelli. Questa non è la prima volta che i ricercatori dell'Università di Yamagata scoprono i geoglifi. "La scoperta di 41 geoglifi in quest'area era stata precedentemente annunciata dall'Università di Yamagata nel 2014 e nel 2015, il che ha portato alla creazione di un parco archeologico nel 2017 in collaborazione con il Ministero della Cultura peruviano per proteggerli", si legge in una dichiarazione dell'Università di Yamagata .

Il sito ha ispirato i teorici della cospirazione ad attribuire la creazione dei massicci disegni a qualsiasi cosa, dai poteri soprannaturali agli antichi alieni, ma l' UNESCO spiega "il metodo della loro formazione, rimuovendo le ghiaie sovrastanti erose per rivelare il substrato roccioso più chiaro, è tale che la loro autenticità è assicurato».

Luis Jaime Castillo, un archeologo peruviano che ha studiato le linee per anni, ha detto al Guardian che crede che sia stato scoperto solo il 5% dei geoglifi.