Visualizza articoli per tag: racconto breve

 

Incontro cn il fantastico di Marco Battista

Sulla via del ritorno, Samuel vide una strana insegna: “La bottega delle meraviglie”. Possibile che non l’aveva mai notato prima?

Pubblicato in Scritti
Martedì, 30 Marzo 2021 10:50

La voce degli angeli

Incontro con il fantastico di Marco Battista

Pescara, 23 novembre 2013

Arrivo a Roma sabato mattina, ritiro il premio e domenica sera sono di nuovo a casa: ecco il mio programma per quel fine settimana.

Pubblicato in Scritti
Martedì, 23 Marzo 2021 18:52

L’ultimo bacio - II e ultima parte

Incontro con il fantastico di Marco Battista

“Sono un po’ stanco...” “...Oggi ho avuto una giornata pesante...” erano queste le scuse che usavo negli ultimi tempi per non stare con Eleonora. Non le avevo parlato di Marisa, non sapevo nemmeno io perché. O forse sì, lo sapevo eccome.

Pubblicato in Scritti
Lunedì, 22 Marzo 2021 17:51

L’ultimo bacio - prima parte

Incontro con il fantastico di Marco Battista

Da quando il freddo cominciava a essere solo un ricordo, avevo riscoperto il gusto di girare in bici. Ero quasi tornato a casa quando sentii qualcuno lamentarsi. Mi guardai intorno e, poco distante, scorsi una donna. Il cielo cominciava a tingersi di rosa e l’aria era gradevole e delicata.

Pubblicato in Scritti
Martedì, 02 Marzo 2021 15:45

Biscotto – di Beniamino Cardines

Biscotto era nero, al cacao.

Tutti gli altri erano bianchi, al latte.

Pubblicato in Scritti
Mercoledì, 24 Febbraio 2021 19:16

Le mani

Sessantacinque anni, vedovo da un lustro, aveva deciso di farsi un regalo per il raggiungimento della pensione.

Pubblicato in Scritti
Martedì, 23 Febbraio 2021 17:00

Afferrami (apologia del tatto)

Di Silvio Madonna

Mani che chiedono, mani che danno. Mani che salutano, mani che dileggiano.

Pubblicato in Scritti
Giovedì, 14 Gennaio 2021 17:23

Dieci secondi II Parte

Incontro con il fantastico a cura di Marco Battista.

Pubblicato in Scritti
Lunedì, 14 Settembre 2020 17:52

Coerenza.

 

Dopo la morte di mio padre, siamo tornati a casa dall’ospedale per chiamare le pompe funebri e preparargli i vestiti, quando a mia madre arriva un messaggio al cellulare. Proviene dal telefono di mio padre: - Non ti devi preoccupare per me, ora sto bene. -

Pubblicato in Scritti